Filo lungo Filo, un nodo si farà

 
 
immagine logo filo lungo filo

 
Venticinque anni di “Filo lungo Filo, un nodo si farà”. Un compleanno importante, per una manifestazione diventata un appuntamento imperdibile per gli amanti dell’artigianato tessile. Un evento che ha saputo legare tradizione e promozione del territorio, l’arte  antica della tessitura con l’evoluzione della moda.   “Filo lungo Filo” è la manifestazione di punta dell’Ecomuseo del Villaggio Leumann, patrimonio della cultura materiale e dell’archeologia industriale di valore assoluto, testimonianza straordinaria del paternalismo industriale e della responsabilità sociale dell’impresa, un luogo evocativo e perfettamente in sintonia con i temi e le atmosfere della mostra mercato.               “Filo lungo filo” ha ormai raggiunto una dimensione internazionale, grazie ai tanti ospiti dall’Europa e dal mondo che hanno contribuito a valorizzarla e renderla sempre più ricca e interessante. Tanto da diventare una delle poche manifestazioni riconosciute dagli operatori del settore, capace di offrire uno spazio a tessitori provenienti da ogni luogo, ciascuno portavoce della propria terra, della propria tradizione.   Quest’anno, inoltre, ricorrono i 100 anni dalla nascita dell’artista sarda Maria Lai, scomparsa nel 2013. Alla sua ultima opera è stata dedicata una mostra realizzata da 23 tessitrici sarde: “Maria Lai – Andando via. Omaggio a Grazia Deledda”, che sarà esposta a Leumann durante Filo lungo filo. Proprio10 anni fa Maria Lai fu ospite del Villaggio Leumann con la mostra “Il filo, i telai, le geografie e i libri cuciti”.   “Filo lungo filo” e Villaggio Leumann sono un binomio indissolubile. Passeggiare tra le sue vie è come ripercorrere la storia dell’800 e del ‘900: il suo legame forte con il lavoro, quella rivoluzione industriale di cui è uno degli esempi urbanistici meglio conservati d’Italia; la capacità di portare avanti l’idea dei servizi e della qualità della vita legati alla produzione e alla vita quotidiana. La scelta di unire storia, innovazione sociale e cultura rappresenta intenzionalmente questo bellissimo percorso nel tempo. 

 
 

Programma 25° edizione

 

Venerdì 20 settembre
Auditorium G. Arpino  – Collegno Ore 17,00 – 20,00
  
Convegno:  “Il filo della parola”        

Coordinatrice e moderatrice: Anna Pironti, responsabile Dipartimento Educazione, Castello di Rivoli Museo d’Arte contemporanea    
Relatori: Anna Maria Colombo-Tessili e letteratura, Matteo Salusso-Leggere la tessitura, Giuditta Sireus-Tessere l'arte e la letteratura, tessere relazioni: Andando via. Omaggio a Grazia Deledda,  Maria Chiara Miduri-Trasmettere e trasferire: legami metaforici nell’ordito culturale al  Villaggio.

Seguirà dibattito.  


Sabato 21 settembre
 Villaggio Leumann,  Corso Francia 313 – Collegno   Ore 15,00 - 19,00

Rassegna dell’Artigianato Tessile
Laboratori creativi per bambini, a cura di LeuLab  

Domenica 22 settembre

Villaggio Leumann, Corso Francia 313, Collegno  

Ore 9,00-19,00
Rassegna dell’Artigianato Tessile Laboratori creativi per bambini, a cura di LeuLab
Ore 16,30
Sfilata dei modelli realizzati dagli espositori  

 Mostre:  

Giuditta Sireus  Andando via. Omaggio a Grazia Deledda. Ultima opera pubblica  della grande Artista Maria Lai riprodotta da 23 tessitrici Sarde
Coordinamento tessitori  Pannelli botanici in feltro
Karin Monica  Feltri verbali-estensioni dell’io
Collezione Leumann  Dove l’intreccio di fili diventa Arte

Workshop e installazione del Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli Museo d’Arte contemporanea
Dal Tibet a Collegno: installazione a cura del knit-cafè di Collegno, “Donne ai ferri corti”
Tutti i colori del verde:  piante tintorie dell’Azienda agricola Fratelli Gramaglia


Sabato e domenica, al pomeriggio, sono previste visite guidate al Villaggio Leumann su prenotazione al numero 347 3596056

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO