Dalla Terra il Futuro

 
 
  1. Collegno investe nell'agricoltura e nella sostenibilità
  2. Lo Sportello Agricoltura
  3. Orticomune
  4. Orti Sociali
 

Collegno investe nell'agricoltura e nella sostenibilità

 
Il Parco Agro Naturale della Dora Riparia

Nonostante sia posizionato ai margini di una grande area urbana, il territorio della Città di Collegno è occupato per una buona parte da aree verdi permeabili (2.147.416 mq, pari all’11,85% del totale) e agricole (6.950.000 mq, pari al 38,36% del totale); la maggior parte di queste sono ricomprese nella zona verde riconosciuta e tutelata dall’Amministrazione come “Parco Agro Naturale della Dora Riparia”. 
La nostra Amministrazione ha sempre riconosciuto il valore ambientale dell’agricoltura, ritenendo che il sostegno a questo settore significhi non solo il supporto ad un’attività economica, ma anche la promozione di stili di vita maggiormente sostenibili e rispettosi verso la  natura.
Chi si occupa della terra sa che l’agricoltura rappresenta uno dei principali strumenti volti alla tutela degli habitat e dei paesaggi, alla conservazione del suolo, alla gestione dei bacini idrici, al sequestro di anidride carbonica e alla protezione della biodiversità.

 
 
 

Lo Sportello Agricoltura

 

 “Sportello informativo in campo agricolo” sito al 3° piano di Palazzo Civico, in Piazza del Municipio è aperto tutti i Lunedì con orario 8.30 – 12.30 e 13.30 – 17.30, frutto della collaborazione fra l’Amministrazione Comunale e la cooperativa agricola Finagro, con il contributo della Regione Piemonte.
Lo scopo principale di tale iniziativa è diffondere informazioni riguardanti l’agricoltura, il comparto agroalimentare e l’economia delle zone rurali, per favorire la conoscenza di aspetti rilevanti per l’attività lavorativa delle imprese, degli addetti e dei tecnici del settore agricolo ed agroalimentare, delle piccole medie imprese e di altri soggetti pubblici e privati operanti in zone rurali.
Gli agricoltori del territorio o i futuri agricoltori potranno reperire, a titolo totalmente gratuito, informazioni riguardanti l’agricoltura e il comparto agroalimentare e le opportunità di finanziamenti, come previsto nella Misura 1, Sottomisura 1.2, Azione 1 PSR 2014-2020 Focus area 2B.  Lo sportello contribuirà altresì a trasferire le conoscenze in merito a obiettivi trasversali quali: l’innovazione, l’ambiente e la mitigazione, l’adattamento ai cambiamenti climatici.

 

Orticomune

 

Promuovere l’agricoltura, come
chiave di volta della conservazione ambientale, significa anche partire dalle
generazioni future nel coltivare l’interesse per il tema della terra, che,
negli ultimi anni di industrializzazione e terziarizzazione dell’economia, è
stato sempre più assimilato a qualcosa di lontano e antico.
Ormai da 3 anni è partito un progetto di “rialfabetizzazione agricola”, denominato ORTICOMUNE, rivolto a tutte le scuole cittadine. A partire dai nidi comunali e fino alle classi medie inferiori, in questo periodo si sono realizzati più di 15 orti scolastici.

 

Un progetto che, partito in sordina, è arrivato quest’anno a coinvolgere più di 60 classi. I ragazzi sperimentano sin da subito e con livelli diversi a seconda dell’età, il contatto con la terra, seminando, mantenendo e raccogliendo i frutti del proprio lavoro. 

A corredo di quest’attività manuale, si innestano le attività teoriche di educazione ambientale, trasformando gli orti in vere e proprie aule a cielo aperto.

 

 Nella scuola secondaria inferiore Gramsci si è andati oltre, realizzando un vero a proprio frutteto che, piantato lo scorso anno, darà  questa primavera i suoi primi frutti. A corredo di tale impianto arboreo si sta completando l’installazione di una struttura denominata “hotel per insetti”, in grado di permettere la nidificazione di molti impollinatori, in modo da rendere visibile il ciclo vitale completo delle piante da frutto, con anche la parte di osservazione dell’interazione insetto-pianta nell’impollinazione. Una seconda struttura di questo tipo è stata installata presso la Casa per L’ambiente, nel Parco agronaturale della Dora, anche in questo caso a fini di educazione ambientale.

 
 

Orti Sociali

 

La presenza di coltivatori implica una valorizzazione del territorio periferico della città e la cessione di piccoli appezzamenti adatti alla coltivazione orticola rende possibile svolgere attività ricreative a contatto con la natura, conoscere e socializzare con altre persone, fare attività motoria ed avere un sostegno economico derivante dalla produzione di ortaggi e verdure.
Il Comune di Collegno mette a disposizione, dei cittadini anziani e dei disoccupati che ne fanno richiesta, circa un centinaio di appezzamenti comunali situati in strada Serpera, i quali vengono assegnati mediante una graduatoria. 

Per avere maggiori informazioni su come effettuare la richiesta di assegnazione, consultare la seguente pagina web e la modulistica correlata.

 
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO