Servizio Civile Nazionale


 
 

«Su una parete della nostra scuola c’è scritto grande “I care”. È il motto intraducibile dei giovani americani migliori. “me ne importa, mi sta a cuore”. È il contrario esatto del motto fascista “me ne frego”. (…) Abbiamo dunque preso i nostri libri di storia (umili testi di scuola media, non monografie da specialisti) e siamo riandati cento anni di storia italiana in cerca di una “guerra giusta”. D’una guerra cioè che fosse in regola con l’art. 11 della Costituzione. Non è colpa nostra se non l’abbiamo trovata. 

(…) ci sono ragazzi italiani (…) così diversi dai milioni di giovani che affollano gli stadi, i bar, le piste da ballo, che vivono per comprarsi la macchina, che seguono le mode, che leggono giornali sportivi, che si disinteressano di politica (…). Dobbiamo avere il coraggio di dire ai giovani che essi sono tutti sovrani, per cui l’obbedienza non è più una virtù, ma la più subdola delle tentazioni, (…) che bisogna che si sentano ognuno l’unico responsabile di tutto. A questo patto l’umanità potrà dire di aver avuto in questo secolo un progresso morale parallelo e proporzionale al suo progresso tecnico».

Don Lorenzo Milani, “L’obbedienza non è più una virtù”, 1965

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO