INTERVENTI, MANUTENZIONE E MESSA IN SICUREZZA DELLE STRADE

 
strisce pedonali - foto
  1. Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale
  2. Gli interventi di messa in sicurezza
  3. Grandi lavori su via Torino
  4. Il Movicentro 2
  5. Il percorso pedonale protetto sulla SP 24
  6. La pista ciclabile sulla Statale 24
  7. Lavori di asfaltatura e segnaletica

 

Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale

 

Per viaggiare su strade sicure, è necessario investire nella manutenzione e negli interventi di miglioramento della viabilità.   
Nel 2016, il “Piano Nazionale della Sicurezza Stradale”, elaborato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, ha destinato alla Regione Piemonte 5 milioni e 261mila euro per interventi finalizzati a migliorare la sicurezza stradale.  
Alla Città – tramite la partecipazione al bando regionale – sono stati destinati 400mila euro per un progetto di messa in sicurezza delle strade che ha previsto una spesa complessiva di 585mila 855 euro.
In totale, l'intervento ha coinvolto 10 assi viari: vie Battisti, Sauro, Lamarmora, Rossini, Minghetti, Castagnevizza, Bardonecchia, Donizetti, Leopardi e corso Francia.

 

Gli interventi di messa in sicurezza

 

Sono comunque numerosi gli interventi effettuati quotidianamente con l'obiettivo di rendere più sicure e meglio percorribili le strade cittadine.    
Tra le vie coinvolte negli ultimi anni, via Bardonecchia (messa in sicurezza delle intersezioni con le vie Chiomonte e Susa), vie Leopardi – Petrarca (zona 30 km/h), corso Francia (realizzazione degli attraversamenti pedonali rialzati), via Donizetti (limite di velocità a 30 km/h, ampliamento del marciapiede, restringimento degli incroci, istituzione del senso unico, realizzazione di un percorso per disabili visivi), corso Togliatti (realizzato un camminamento in sicurezza), via Trieste (realizzati alcuni parcheggi delimitati da isole in gomma e un attraversamento pedonale protetto). 
In totale, l'intervento ha coinvolto 10 assi viari: vie Battisti, Sauro, Lamarmora, Rossini, Minghetti, Castagnevizza, Bardonecchia, Donizetti, Leopardi e corso Francia.

 

Grandi lavori su via Torino

 

Un importante intervento – l'investimento è stato di 553mila euro finanziati dalla Regione Piemonte nell'ambito del progetto Movicentro 1 – ha coinvolto via Torino nell'estate 2017: sono stati infatti realizzati una pista ciclo-pedonale e un marciapiede, è stato rifatto l'impianto di illuminazione pubblica ed è stata intubata la bealera (quindi non più visibile): l'intervento ha come obiettivo di rendere agevole, rapido e sicuro il transito ciclo-pedonale tra la futura stazione Fermata Certosa (da realizzarsi all'altezza della rotonda Falcone nell'ambito del prolungamento della Linea 1 della Metro) e la stazione ferroviaria cittadina (il sottopasso ferroviario Nuto Revelli rientra infatti nel progetto Movicentro 1).

 

Il Movicentro 2

 

Il progetto “Movicentro 2” (estate 2017) è realizzato con un investimento di 1 milione di euro – finanziato dalla Città di Torino – e coinvolge l'area nei pressi della stazione Fermi della Metropolitana.
Diversi e importanti gli interventi.
Nel dettaglio: ampliamento del parcheggio attuale (da 397 a 459, quindi un incremento di 62 postazioni), riqualificazione delle fermate degli autobus e dei capolinea su via De Amicis (più spazio e nuova pavimentazione), miglioramento dei percorsi ciclopedonali (con attraversamenti pedonali rialzati e realizzazione di un nuovo collegamento tra Fermi e il parcheggio interrato del centro commerciale), trasferimento su via Oriente dell'ingresso al parcheggio (con l'obiettivo di ridurre il traffico), spostamento del bar, del chiosco dell'edicola e delle postazioni di Bike Sharing, installazione di un parcheggio per le biciclette dei privati.

 

Il percorso pedonale protetto sulla SP 24

 

Con l'obiettivo di incentivare sia chi lavora nell'area industriale sia chi la frequenta per i centri commerciali a utilizzare i mezzi pubblici, è stata realizzato nel 2016 il percorso pedonale protetto che collega le fermate dell'autobus presenti sulla SP 24 (in prossimità della rotonda all’intersezione con la SP 176) e l'area PIP, lungo la SP 176. I lavori hanno avuto un costo complessivo di 130mila euro.

 

La pista ciclabile sulla Statale 24

 

Più sicurezza per i cittadini anche lungo la Statale 24, nel tratto compreso tra la Stazionetta e il confine con Pianezza (circa 300 metri), dove è stata realizzata una pista ciclabile protetta.
Le opere – realizzate a scomputo dei nuovi insediamenti commerciali – includono anche una rotonda su via Portalupi e hanno avuto un costo di circa 213mila euro.

 

Lavori di asfaltatura e segnaletica

 
asfaltatura strade - foto

Nel 2016, i lavori di asfaltatura hanno riguardato 3mila metri quadrati di strade (vie Crispi, Volturno, Alpignano, Da Vinci, Vespucci, Galvani, Crimea, Minghetti, Torino, Del Brucco e tratti dei corsi Francia e Montello). La spesa complessiva è stata di 250mila euro.
Si è poi passati al rifacimento della segnaletica stradale orizzontale, quindi le strisce e le scritte presenti sulla pavimentazione: il lavoro ha coinvolto tutti i quartieri della Città per un investimento totale di di 132mila euro. 
Invece, nell'ambito dei lavori di manutenzione straordinaria della segnaletica stradale, si sono ritracciati i parcheggi a pettine nei controviali di Corso Francia e i parcheggi a pettine in diverse zone della città. Infine, nei pressi degli ingressi di 12 scuole è stata dipinta sull'asfalto la scritta “Scuola.” 
Da sottolineare che sulle strade collegnesi è stata impiegata una macchina “tappabuche” (modello Turbo 5000) che effettua – in un solo intervento – il lavoro di riempimento di buche e fessure “a caldo”: questa tecnica previene i deterioramenti più di quanto non accada con il riempimento “a freddo”, ed è più semplice, efficace ed economica.
In sintesi, nel biennio 2014/16, per la messa in sicurezza delle strade cittadine si sono spesi un totale di più di 800mila euro.

 
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO